13/12/1997

LA LETTERA della signora Simona Donna (“Salute” del 15 novembre) evidenzia i guasti della medicina ufficiale che per sette anni le ha procurato solo danni. Forse è il caso di sentire il suggerimento anche degli esperti di medicina alternativa oltre a quello degli allopatici per le richieste dei lettori.

Ho 61 anni. ll 13 ottobre ’85, sono entrato in coma a seguito di emorragia cerebrale subaracnoidea. Dopo 50 gg. di ospedale ho rifiutato l’intervento e sono stato dimesso, in stato debilitante, con cura medica. Dal dicembre ’85 ho abbandonato la medicina ufficialee curandomi con l’aglio sono riuscito in pochi mesi a recuperare le forze per tornare al lavoro.

Tutti i malesseri che avvertivo sono totalmente scomparsi. Sono guarito da asma, bronchite, colite, colon spastico, calcificazione spalla da periartrite scapolo omerale ed evitato un difficile intervento alla testa. Da 12 anni non assumo farmaci, quindi mi sono curato a costo zero.Il parlamento euro di Strasburgo (“Salute” del 24 luglio) ha stanziato la somma di un milione di ECU per svegliare i governi nazionali affinchè cessi la politica dello struzzo di fronte alle terapie non convenzionali.

Giovanni Canta, Napoli