Mangiarsano

di   Emine’ Meral Inelmen

Aglio e cipol elisir di lunga vita

Uno spicchio al giorno…

Studi recenti confermano le virtù medicinali di aglio e cipolla. E l’alito? Negli ultimi anni, aglio e cipolla sono stati tra gli ortaggi che hanno suscitato più interesse tra gli esperti. Lo dimostra la ricca letteratura scientifica sul tema. Fu Louis Pasteur il primo a descrivere gli effetti benefici dei due vegetali. Egli mise una piccola quantità di aglio in un terreno di coltura di batteri e, con grande sorpresa, constatò che questi dopo poco, morivano. Aveva di fatto scoperto un vero e proprio antibiotico ‘naturale’.

Le virtù medicinali di aglio e cipolla sono già note da migliaia di anni. Esistono documenti che provano il loro uso già 5 mila anni fa. Per l’effetto imbarazzante che questi alimenti creano nei rapporti interpersonali, c’è chi sceglie il week-end per concedersi il lusso di mangiarli; chi li bandisce dalla tavola drasticamente e chi ‘rischia’ ogni giorno ma non rinuncia al loro piacevole e insostituibile sapore. In quest’ultimo caso, se uomo, avrà ridotto la probabilità di essere colpito da tumore alla prostata (il più frequente secondo le statistiche) del 50 per cento almeno secondo una ricerca del National Cancer Institute. I due ortaggi possono rappresentare una forma di prevenzione anche per altri tipi di tumore (stomaco, colon, esofago, seno e utero) anche se non ci sono ancora sufficienti evidenze scientifiche. In attesa di dati certi, alcuni specialisti consigliano tre spicchi alla settimana. Altri vorrebbero una quota decisamente irraggiungibile: ben quattro spicchi al giorno.

Lunga vita ai consumatori

Recenti ricerche dimostrerebbero, inoltre, che aglio e cipolla allontanano la vecchiaia, perchè innalzano il livello di antiossidanti nel plasma, contrastando l’invecchiamento cellulare. Inoltre,la loro azione anti-trombotica e anti-ipertensiva, provata sempre in via sperimentale, comporta un minor rischio di malattia cardiovascolare e ictus. C’è di più: l’assunzione di uno spicchio di aglio crudo al giorno abbasserebbe il colesterolo ‘cattivo’ del 9 per cento. A tutto vantaggio del cuore.

La cipolla è consigliata ai diabetici in quanto abbassa il livello di zucchero nel sangue, potenziando la terapia ipoglicemizzante. Ha pure proprietà diuretiche. Non converrebbe, a questo punto, che tutti rischiassero l’alito da aglio e cipolla? Visti i benefici, sembrerebbe di sì.

[da IL MESSAGGERO DI S. ANTONIO – novembre 2003]