Ciao Giovanni,
Ti scrivo per ringraziarti dei consigli preziosi che mi hai dato a giugno di quest anno relativo al problema che mi era insorto con il mal d’orecchi. Partiamo dall’inizio, una domenica con la mia famiglia decidiamo di fare una gita in montagna, giornata molto ventosa, arrivati in montagna c’era un vento che quasi ti portava via, messe giacche antivento e fatto un giro di circa un’ora decidiamo di ritornare a casa.

La notte inizia a fischiarmi l’orecchio sinistro, alla mattina mi sveglio e cado per terra, mi gira tutto intorno, riesco ad alzarmi e ad arrivare in bagno, li mi prendono conati di vomito. Poi pian piano la situazione migliora. Il giorno dopo uguale, inoltre il fischio all’orecchio anzichè diminuire aumenta e sento come se l’orecchio fosse completamente ovattato. Su consiglio anche di mio marito chiamo l’otorino il quale mi riceve abbastanza in fretta, mi fa i vari test e come diagnosi: otite acuta e labirintite.

Chiaramente mi riempie di farmaci, vertiserk per la labirintite e deltacortene 25mg pastiglie per l’otite (cortisone), al termine dei 10 giorni di cura con il cortisone in effetti mi è passato tutto, la labirintite già dopo 2 giorni era passata e l’otite pian piano era scomparsa. Tempo 15 giorni mi viene un raffreddore forte dovuto al clima caldo/freddo ecc, subito mi riparte il fischio all’orecchio e la sensazione di ovattamento, tengo duro 2 giorni ma sento che mi sta ritornando esattamente lo stesso problema dei 15 giorni precedenti, ritorno dall’otorino, mi fa nuovamente la visita con vari test e come diagnosi nuovamente: otite acuta (senza labirintite x fortuna), mi prescrive nuovamente una cura con deltacortene x altri 10 giorni, x me terribile, io che odio il cortisone mi ritrovavo a doverlo prendere non una volta ma 2 di seguito.

Ho voluto provare con un’altro otorino ma la prescrizione è stata identica:cortisone. Mi sei venuto in mente tu Giovanni, vedi che la Provvidenza non lascia nulla al caso, mi son ricordata che un paio d’anni prima avevo visto casualmente il tuo sito e ti avevo contattato per problemi di tonsilliti e adenoidi dei miei figli, mi avevi dato degli ottimi consigli. Ti ho contattato via mail spiegandoti brevemente il mio problema e tu mi hai consigliato di usare dell’aglio inserito in un tubicino e infilato nel condotto uditivo x circa un’ora al giorno. Io mi son detta, tentare non nuoce, tutti i miei famigliari erano scettici, colpo di scena!!!dopo già 2 giorni stavo meglio, il fischio era diminuito anche se continuava l’ovattamento, ho proseguito x altri 3 giorni (in totale 5) inserendo ogni giorno aglio nuovo nel modo che tu mi avevi consigliato e alla fine dei 5 giorni il mio orecchio non aveva più nulla, il fischio era sparito, l’ovattamento anche. Non ci credevo tanto ero contenta, i miei famigliari pure, insomma è partita una campagna contro il mal d’orecchie con la cura dell’aglio, figurati che ho dovuto iniziare a comprare penne x fare il tubicino dove inserire l’aglio x regalarlo a destra e sinistra, ai miei zii, i miei suoceri, vicini di casa, a chiunque lo dicevo volevano avere “l’attrezzo” nel caso del bisogno.

Ti dirò di più, quest anno al mare mia figlia di 7 anni un giorno ha iniziato a lamentare male all’orecchio destro,c’era anche in questo caso vento forte, non riusciva più ad appoggiare l’orecchio al cuscino tanto le faceva male, le ho preparato subito il tubicino e inserito l’aglio, in effetti ho dovuto forzarla xchè non voleva, le dava fastidio ecc ma alla fine ce l’ho fatta, un pò mentre dormiva son riuscita a inserirle il tubicino nel condotto uditivo, insomma dopo 2 giorni non aveva più niente, mal d’orecchie passato, non ci credeva neanche lei tanto era contenta. Ho saputo dopo qualche giorno che sulla spiaggia dove andavamo di solito c’erano 3 bambini che si erano rivolti al pediatra locale x mal d’orecchie, tra bagni in mare e vento forte si erano ammalati anche loro. Il medico chiaramente ha prescritto loro gocce di antibiotico x l’orecchio e mucosolvan x sciogliere il catarro che secondo lui era depositato nell’orecchio (i bambini non avevano un filo di tosse quindi come abbia potuto valutare la presenza del catarro lo sa solo lui comunque non poniamoci domande).

X farla breve visto che mi son già dilungata abbastanza, è guarita prima mia figlia con la cura dell’aglio dal mal d’orecchie che gli altri 3 con le gocce di antibiotico!!. Ci tenevo a scriverti queste cose xchè i tuoi consigli sono stati veramente preziosi x me.

L’aglio è davvero formidabile

Grazie e….alla prossima ciao
silvia